arredare cucina piccola

Come arredare una cucina piccola – 5 errori da evitare

Arredare una cucina piccolissima è spesso un vero puzzle che richiede molta creatività. A volte le soluzioni standard falliscono perché consumano solo spazio, senza risolvere il vero problema di spazio ridotto. Questo dilemma affrontano moltissime persone, spesso abitanti di piccoli appartamenti, dove le cucine sono davvero piccole ed è difficile trovare una soluzione giusta. Nel nostro articolo trovi cinque consigli pratici che ti aiutano ad arredare una cucina di piccole dimensioni.

Errori nell’organizzazione di una  cucina piccola

Il dilemma come arredare una cucina piccolissima riguarda sopratutto i residenti dei condomini dove gli appartamenti sono spesso piccoli e non si sa come organizzare l’arredo della cucina in modo che sia pratica e bella esteticamente. Si scopre rapidamente che le soluzioni su misura per le cucine standard falliscono. Per facilitare questo compito, presentiamo cinque cose che dovrebbero essere evitate quando si organizza l’arredo di cucina piccola.

1. Scaffali aperti

L’apparentemente concetto di scaffali aperti invece di pensili in una piccola cucina sembra attraente. In linea di principio, dovrebbero aggiungere leggerezza, profondità e un senso di spaziosità alla disposizione. In pratica, tuttavia, introducono solo il caos visivo . Anche se le cose tenute sulle mensole sono disposte e tenute in ordine, la molteplicità degli stimoli visivi potrebbe essere ancora troppo grande per uno spazio piccolo. Inoltre, i ripiani della cucina attirano polvere e depositi e richiedono quindi una pulizia molto più frequente. Se ci mettiamo sopra anche il bicchiere da tavola, dovremo lavarli più spesso di quanto vorremmo. A qualcuno è già passata la voglia di progettare le mensole aperte in cucina? 😉

Ti potrebbe interessare anche: Come arredare la camera da letto- Guida pratica


Come rimediare? L’unica opzione in una piccola cucina è inserire una serie di pensili in alto o semplicemente rinunciare a inserirli . Chiaramente la seconda opzione può essere risolutiva solo quando la struttura inferiore offre spazio sufficiente perla sistemazione dell’assortimento, il che non è spesso il caso nella pratica. I mobili superiori devono essere tirati fino al soffitto senza lasciare uno spazio scomodo che raccoglie solo la polvere . Se sei preoccupato che i pensili appesantiscono la cucina, consiglio di scegliere il rivestimento in una tonalità più chiara di mobili inferiori. Ciò creerà un’impressione di profondità e diversificherà la disposizione.

arredare cucina piccolissima
Arredare una cucina piccolissima

Leggi anche: Cucina in stile: Come rinnovare lo stile in tre semplici mosse.

2. Piastrelle di contrasto dietro il piano di lavoro

Arredando la cucina piccola, solitamente si sceglie i colori chiari dei mobili: bianco, beige, grigio o nelle tonalità naturali del legno, che è un’ottima scelta. Quindi capita spesso che siano combinati con piastrelle in tonalità contrastanti, ad esempio rosso, giallo o con motivi forti. Il presupposto alla base di tale scelta è di “ravvivare” l’arrangiamento o renderlo più dinamico. In una piccola cucina, tuttavia, una superficie così potente può dominare la stanza. Le piastrelle attireranno l’attenzione, facendo sembrare la disposizione distorta, sproporzionata e talvolta persino opprimente. Questo è un altro esempio di una soluzione che funziona bene in spazi più ampi.


Cosa scegliere? Una scelta molto migliore per una piccola cucina sono le piastrelle sul piano di lavoro in un colore che completa l’ombra dei mobili della cucina . Possono anche essere piastrelle dello stesso colore del mobile o del piano. Grazie a questo, otterremo una disposizione coerente in cui nessuno degli elementi prevarrà sull’altro. L’effetto di “ravvivare” l’arredamento può essere ottenuto con elementi decorativi e di finitura più piccoli.

come arredare una cucina piccola
Piastrelle cucina

3. Non sfruttare gli angoli

Gli angoli sono uno spazio ampio ma difficile che non è facile da organizzare in modo completamente funzionale. Quando in una grande cucina puoi saltarli e lasciare questo spazio inutilizzato, in una piccola cucina un tale spreco di spazio è inaccettabile. Allo stesso tempo, un tipico mobile ad angolo non è una soluzione ottimale. Dopotutto, senza costosi sistemi di carico, è difficile utilizzare la loro capacità anche nel 50 percento.

Qual è la soluzione? Un angolo in una piccola cucina può essere utilizzato come lavabo ad angolo . Contrariamente a ciò che si pensa, è una soluzione conveniente che libera anche tanto spazio necessario per il piano di lavoro. Sul mercato sono disponibili anche piani cottura angolari, che vale la pena considerare quando arrediamo la nostra cucina di piccole dimensioni.

arredo cucina piccola
Lavabo ad angolo cucina

4. Elettrodomestici da appoggio

I frigoriferi o le cucine indipendenti sembrano essere la prima scelta per qualsiasi cucina. Sfortunatamente, si scopre che non sono adatti ai piccoli spazi. Inserirli cucine davvero piccole, può diventare una vera sfida. Accade spesso che siano più profondi o più alti del resto dei mobili, il che non è il massimo. Inoltre, nel caso dei frigoriferi, di solito quando scegliamo il frigorifero , lo scegliamo più capiente e spazioso possibile ma poi il suo aspetto e volume possono dominare la stanza e attirare troppa attenzione.

Come fare? Gli elettrodomestici da incasso sono sicuramente una scelta migliore. Questo vale sia per frigoriferi, cucine, forni e lavastoviglie. Grazie al loro utilizzo, otteniamo i mobili visivamente più coerenti e i singoli dispositivi sono più facili da comporre.

Impara anche: Come organizzare il giardino- 7 regole da seguire

5. Piano di lavoro “tagliuzzato”

Conosciamo tutti “il principio del triangolo di lavoro in cucina”. Dice che il frigorifero, il piano cottura e il lavello dovrebbero definire gli angoli del triangolo. Ci dovrebbe essere una distanza di almeno 20 cm, preferibilmente 50 cm, tra i singoli elementi, come un lavello o un frigorifero. Purtroppo, in una piccola cucina, questo spesso significa la necessità di “spezzettare” il piano di lavoro in piccole sezioni. Forse abbiamo in totale 1,5 metri del piano di lavoro, ma è in frammenti di 50 centimetri. Non è conveniente, soprattutto quando cuciniamo molto.

Come rimediare? Un piano di lavoro lungo in qualsiasi cucina non può essere sopravvalutato. Pertanto, a volte devi rifiutare la conoscenza convenzionale, la cui implementazione nelle grandi cucine non è un problema, ma purtroppo nelle piccole cucine lo è. Consiglio pertanto di raggruppare i dispositivi in modo che sia possibile trovare almeno un metro di cima ininterrotta.

Set 3 padelle + 1 manico rimovibile OFFERTA – 30% su shop online Giftomatic

set cottura alessandro borghese
Set cottura con manico rimovibile

Vedi anche: Come arredare la tavola con stile per ogni occasione

Spero che questi consigli ti saranno utili nell’arredare una cucina piccola . Se hai altre domande o vuoi riceve altri consigli utili come questi, iscriviti alla nostra newsletter. ti terremmo informati sulle ultime news. A presto!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia qui il tuo commento

error: Content is protected !!