Sapevi che il miele è l’unico alimento che non ha una data di scadenza? Ovviamente stiamo parlando di miele naturale. Se vedi che la massa liquida si cristallizza, non preoccuparti, è un processo naturale che non distrugge le qualità naturali del miele, e ce ne sono in abbondanza. Ma quali sono reali proprietà del miele e come scegliere, visto che esistono tanti tipi di questa dolce prelibatezza?

Il miele fa bene?

Il miele è salutare, ma nelle giuste quantità. L’importante non esagerare con il consumo del miele, così come con lo zucchero. Le persone allergiche ai mieli naturali devono prestare particolare attenzione al miele, che sono allergeni piuttosto forti che causano gravi reazioni allergiche. Il suo consumo è inoltre sconsigliato a chi soffre di diabete o ha livelli elevati di zucchero nel sangue. Tuttavia, il miele ha molti aspetti positivi. È un perfetto sostituto dello zucchero bianco. Può essere utilizzato per addolcire tè, dolcificare torte e anche come ingrediente in salse per piatti secchi. La dolcezza del miele viene assorbita molto meglio dall’organismo rispetto agli zuccheri semplici.

Che tipo di miele scegliere?

Il miele è un prodotto naturale con elevati valori nutrizionali e medicinali. Nella scelta del miele, i consumatori sono guidati principalmente dal colore, dalla consistenza e dal prezzo, ma questi criteri sono sufficienti per fare un buon acquisto?
Esistono molti tipi di miele e il tipo di pianta da cui proviene determina le sue proprietà curative . Differiscono inoltre per origine, colore e gusto.

I tipi di miele più popolari e le proprietà nutrizionali:

  • Miele di grano saraceno – è miele ottenuto dal polline di grano saraceno. Il suo colore è relativamente scuro, ambrato e il suo sapore è intenso. Alcune persone lo adorano, altri lo trovano troppo caratteristico nel gusto e scelgono mieli più delicati. Il grano saraceno fa bene alle malattie cardiovascolari, ai problemi di memoria e all’aterosclerosi. È indicato anche per le persone in convalescenza dopo una malattia.
  • Il miele di tiglio – ha un gusto molto più delicato del grano saraceno. Il suo colore è chiaro, simile al tè. È perfetto per il raffreddore perché ha un effetto antipiretico. Può anche essere tranquillamente usato mentre si tossisce. L’espettorante funziona bene sul sistema respiratorio.
  • Miele di acacia – è leggero, cremoso e generalmente compatto, non liquido. Il suo sapore è molto dolce, per alcuni può essere blando. Il consumo di questo miele ha un effetto positivo sul sistema urinario, supportando il lavoro dei reni e prevenendo la formazione di calcoli renali.
  • Miele di colza – è ottenuto dal nettare dei fiori di colza gialli, i cui campi decorano i campi estivi. È di colore giallo chiaro, dolce con un pizzico di amarezza. Non è popolare come il miele di tiglio o di acacia, ma le sue proprietà non sono da meno. Ha un effetto rinforzante e supporta il trattamento di organi come i reni, il pancreas e il fegato.
  • Miele di conifere : il più comune è il miele di pino. Il colore di tale miele cade dolcemente nel verde. Il gusto non è dolce come altri tipi, quindi piacerà a coloro a cui non piace troppa dolcezza. Proprio come la foresta di conifere ha un effetto positivo sui polmoni e sulle condizioni del corpo, anche il miele di conifere influisce sull’immunità del corpo e inala.
  • Miele di millefiori – miele combinato con un gusto dolce ma delicato, in cui puoi sentire l’aroma e il gusto dei fiori. Tale miele funziona bene per il raffreddore e inoltre immunizza e previene le malattie. Funziona bene anche nell’asma.
  • Miele di erica: ha un bellissimo profumo di erica, il suo sapore è amaro e pungente, che lo distingue dagli altri tipi di miele. Ha un colore bruno rubino e una consistenza gelatinosa allo stato liquido. È consigliato nella lotta contro raffreddori, malattie renali e delle vie urinarie. Grazie alle sue proprietà antisettiche, aiuta con infiammazioni della bocca e faringite. Il miele di erica è difficile da ottenere a causa del numero limitato di brughiere in Polonia.
  • Miele di melata – differisce dal miele di nettare in termini di metodo di produzione. Il miele di melata è la secrezione di afidi e vermi raccolti e concentrati dalle api. Il cosidetto la melata può provenire da latifoglie o conifere, ma di solito si tratta di alberi che si trovano nelle foreste più pulite. Per questo motivo il miele di melata è caratterizzato da un alto contenuto di sostanze nutritive ed elementi salutari , viene addirittura chiamato reale ed è ampiamente utilizzato nella medicina naturale. Il sapore del miele di melata di conifere è piuttosto delicato e il miele a foglia ha un leggero retrogusto resinoso. Si distingue inoltre per il suo colore scuro, con una sfumatura verdastra o grigia nel caso del miele di conifere, o il colore giallo dorato del miele di latifoglie.

Miele di grano saraceno |Polonia | 1,1 kg Prezzo 16,99 €

Miele di Manuka 400+ MGO 250 gr.|Nuova Zelanda Prezzo 36,99 €

Miele della foresta nera, melata di montagna 900 gr | Bulgaria Prezzo 18,99 €

La prima distinzione fatta dai consumatori è una divisione semplificata in mieli chiari e scuri , che rende facile relazionarsi alle preferenze individuali. Quindi il colore del miele fornirà informazioni più dettagliate sul prodotto? Osservando il colore del miele, possiamo concludere se si tratta di miele di nettare o di melata . I primi sono generalmente chiari, da giallastri a leggermente marroni, ma ci sono anche eccezioni, come il miele di grano saraceno o il miele esotico di Manuka.

I mieli di melata sono generalmente di colore marrone scuro, marroni a volte con riflessi verdastri, fino quasi al nero. Il colore del miele dopo la raccolta può anche cambiare leggermente durante la conservazione e il prodotto si scurisce naturalmente. Il colore del miele influisce spesso anche sul prezzo: laddove i consumatori cercano mieli chiari, saranno più costosi rispetto alle varietà scure.

proprietà del miele
Colore del miele

Metodo di cristallizzazione

Questa è una delle caratteristiche naturali del miele, oltre al suo gusto e odore, e influenza la decisione dei consumatori di acquistare un barattolo specifico. In un primo momento, il miele liquido cristallizza nel tempo dalla crescita di cristalli fini o grossolani legati attorno a un nucleo nel plasma liquido.
Il rapido processo di cristallizzazione, proprio come nel miele di grano saraceno, fa apparire i cristalli grandi e spessi. Uno dei mieli che cristallizzano più velocemente è il miele di colza, e il più lento è il miele di acacia, che rimane liquido per molte settimane. Ed è questa la forma che è maggiormente preferita dai consumatori.

Infatti, ogni miele cristallizza in modo diverso e i produttori non possono prevedere come sarà il prodotto dopo diversi mesi di conservazione. Accade spesso che il miele che è stato versato nei barattoli dopo un po ‘di tempo assuma forme poco attraenti, come la separazione della frazione liquida da quella solida, la deposizione di grossi cristalli sui bordi del barattolo con il liquido rimanente all’interno.

 

il miele caratteristiche
Il miele caratteristiche

Cos’altro devi sapere sul miele?

Come conservare il miele? 

Il miele deve essere conservato in contenitori ben chiusi: vetro , smalto o gres. Preferibilmente in un luogo buio a una temperatura di 5–25 ° C.


Cosa contiene il miele?

Il miele è una soluzione acquosa di zucchero, ricca di vitamine, ad esempio PP, C, B1, B2, B6, B12, H, acido folico, acido pantotenico e minerali , ad esempio ferro, manganese, cobalto, potassio, fosforo, calcio.

Quante calorie ha il miele?

100 g di miele hanno 328 kcal, circa 65 kcal in un cucchiaio.

Tutto il miele si cristallizza?
Sì, qualsiasi miele naturale deve cristallizzare. Il tempo di cristallizzazione dipende dalle piante da cui si è formato.

Come fai a sapere se il miele è vero?

Il suo peso si rivela utile per verificare l’autenticità del miele: 1 litro di miele pesa 1,35–1,44 kg . Ce’ da dire che a meno che non sia stato riscaldato, solo il miele naturale cristallizza.

Perché il miele non va a male?
Il miele conservato correttamente non si deteriora e la sua durata è dovuta alle proprietà antibatteriche fornite dal perossido di idrogeno.

Ricetta tè allo zenzero e limone con miele

Per preparare la tisana con zenzero, limone e miele per combattere raffreddore, tosse e stanchezza eccessiva, procuratevi una radice di zenzero e un limone biologico: sbucciate tre centimetri di radice di zenzero, tagliatela a fette sottili e sistematela in un pentolino insieme alla buccia grattugiata del limone. Aggiungete circa 300 millilitri di acqua e portate a bollore. Lasciate bollire per circa quindici minuti, dopodiché togliete dal fuoco e fate raffreddare. Quando il decotto sarà tiepido, filtrate e unite il succo di limone spremuto e un cucchiaio di miele. Consumate una o due tazze al giorno di questa tisana per prevenire o alleviare i sintomi influenzali.