Sebbene il vino abbia accompagnato l’umanità per secoli, solo recentemente si è appreso come benefici per la salute.

Bere un bicchiere di vino al giorno, sembra avere degli effetti positivi sulla salute quando assunto nelle quantità consigliate.

Le proprietà salutari del vino sono state ben documentate. Durante ricerche che durano fino a 40 anni (dal 1960 al 2000), gli scienziati dell’Università olandese di Wageningen hanno esaminato 1.400 uomini. Si è scoperto che l’alcool in una dose di 2 g al giorno prolunga la vita di una media di 2 anni. È stato osservato che coloro che hanno bevuto circa un bicchiere vino al giorno, hanno vissuto in media 5 anni in più rispetto agli astemi totali. Naturalmente, il superamento della dose giornaliera riduce la vita.

I polifenoli contenuti nel vino riducono il livello di colesterolo cattivo

Gli scienziati hanno dato fastidio al cosiddetto “Paradosso francese” Si scopre che i francesi, che bevono molto vino, hanno meno probabilità di morire di malattia coronarica rispetto ai loro vicini. Le statistiche sono particolarmente utili per gli abitanti del sud della Francia – che mangiano molto pesce, olio, verdure e bevono vini locali. Gli studi hanno confermato gli effetti benefici dei polifenoli – gli antiossidanti che impediscono la formazione di depositi di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni, hanno la capacità di ridurre il livello di colesterolo cattivo. Impediscono alle piastrine di aderire all’acido salicilico contenuto nel vino, che protegge dalla formazione di coaguli di sangue. L’alcool contenuto nel vino dilata i vasi sanguigni, aumentando il flusso sanguigno. L’aumento della permeabilità e dell’elasticità delle pareti vascolari riduce il rischio di infarto e ictus.

Caraffa Vino con Coperchio Versatore – Prezzo 27,98 €

Set da Vino 7 pezzi – Prezzo 25,31 €

Il piacere del vino. Come imparare a bere meglio- Prezzo 17,10 €

Il vino rosso fa dimagrire?

Migliora la digestione, questo è certo. Il vino rosso migliora l’appetito e aumenta la secrezione di enzimi digestivi. Aiuta nella digestione dei cibi grassi, quindi si adatta perfettamente, ad esempio anatra, oca, arrosto di maiale. Le persone con peracidi dovrebbero bere vino contenente più tannini, che coprono la mucosa gastrica e non consentono una maggiore secrezione di acido cloridrico. Grazie all’effetto diuretico, un bicchiere di vino vino aumenta l’escrezione dei prodotti di scomposizione delle proteine, come urea, ammoniaca, acidi e sali minerali.Bere un bicchiere di vino al giorno potrebbe contribuire alla perdita del peso. Ovviamente questo beneficio si può ottenere moderando la dose giornaliera del vino in generale.

Smentiamo inoltre il mito che l’aceto di vino fa dimagrire.

l’aceto da solo non ti farà perdere chili . Il consumo di aceto di vino durante i pasti aumenta la secrezione di enzimi digestivi, quindi favorisce la digestione, ma attenzione.Un consumo eccessivo di aceto può causare anche disagio digestivo.

Come si produce il vino bianco, rosso e rosato?

A causa del contenuto di zucchero, i vini si dividono in secchi, semi-secchi, semi-dolci e dolci. Il vino secco è quello in cui il lievito ha fermentato tutto lo zucchero dell’uva. A causa del colore abbiamo vini bianchi, rosa e rossi. Ma il colore non dipende dal colore delle uve: il vino bianco può anche derivare da uve scure, anche se solo prima della macerazione le bucce erano separate dalla polpa del frutto. Il vino di qualità bianco è prodotto solo da succo spremuto da uve fresche. Quando le uve vengono pigiate insieme alla buccia, viene prodotto vino rosso o rosa. Alcune ore di macerazione causano vino rosato e alcune settimane – rosso. La buccia ha gli ingredienti più pregiati dell’uva, motivo per cui il vino rosso è migliore in termini di salute rispetto al bianco.Un bicchiere di vino, se consumato in maniera moderata, può avere numerosi benefici per la salute

gamma di colori del vino nei bicchieri in fila

Perché c’è zolfo nel vino?

I composti di zolfo nel vino impediscono la sua ossidazione. L’anidride solforosa inibisce la crescita di batteri o enzimi di muffa nei grappoli, aiutando nel contempo a sopprimere la crescita prematura o eccessiva del lievito. La quantità di anidride solforosa utilizzata dipende dallo stato delle uve, dalla temperatura ambiente durante il trasporto dalla vigna e dal tasso di fermentazione alcolica. Al giorno d’oggi, il vino stesso viene solforato in tre fasi di produzione: prima della fermentazione, quando il vino è ancora nella fase del mosto, dopo il completamento del processo di fermentazione, e prima dell’imbottigliamento stesso, quando viene aggiunto lo zolfo per proteggere il vino dai batteri.La solforazione del vino non serve solo a consolidarlo, ma senza questo processo il vino perderebbe rapidamente aroma, gusto e colore. È importante sottolineare che le quantità di zolfo nel vino non sono più di quelle che si trovano nell’uvetta.

Cosa sono i solfiti nel vino

I solfiti sono molecole composte da ossigeno e zolfo, generalmente utilizzate come additivi di cibi e bevande con la funzione di conservanti, per prevenire l’ossidazione. Nel vino i solfiti sono una componente naturale. L’anidride solforosa, infatti, è prodotta naturalmente durante la fase della fermentazione. Oltre a questo, in enologia è previsto aggiungere anidride solforosa per meglio preservare il vino.

Un vino biologico senza solfiti è migliore?

I solfiti sono derivati dello zolfo e sono presenti in diversi alimenti come aglio e cipolla. E anche il corpo umano è in grado di produrli.Nel caso del vino, durante la fermentazione delle uve questi rappresentano un sottoprodotto naturale, in quanto vengono prodotti dai lieviti.Dobbiamo quindi ammettere che un vino senza solfiti non esiste.

Quando leggete la dicitura “senza solfiti”, in realtà fa riferimento all’assenza di solfiti aggiunti.

Per quanto concerne il vino biologico , parliamo di un prodotto che deriva da un metodo di coltivazione con regole ben precise, stabilite dal Reg. CE 834/07, che esclude l’uso di antiparassitari o concimi chimici di sintesi. Per la fertilizzazione dei terreni, ad esempio, vengono impiegati concimi organici e per la difesa delle coltivazioni da parassiti si agisce preventivamente rinforzando le piante (ad esempio con concimazioni equilibrate), in modo diretto con trattamenti antiparassitari di origine naturale (es. rame, zolfo, estratti di piante, ecc.) o impiegando la lotta biologica (uso di organismi viventi antagonisti dei parassiti).
Le quantità e le modalità dell’utilizzo di solfiti,  dipendono da diverse variabili: dal tipo di uva, dalle sue caratteristiche e quindi dal tipo di vino stesso. Per quello bianco, ad esempio, sono necessarie quantità maggiori rispetto al rosso.Va sottolineato inoltre, che gli effetti collaterali dei solfiti non sono preoccupanti per le persone. L’organismo umano è capace di far fronte all’ingestione di solfiti, ovviamente in quantità innocue.

uomo che riconosce la qualità del vino

Qui il discorso è abbastanza complesso, perché i gusti possono essere diversi perciò possiamo dire che è una questione di palato.
Molti pensano che per capire la bontà di un vino, occorra studiare anni, mentre altri credono, errando, che è impossibile intendersi di vino perché materia destinata solo a chi ha doti particolari. Niente di più sbagliato. Occorre solo un po’ di esperienza, una maggiore consapevolezza, infatti, aiuta a destreggiarsi meglio tra le varie etichette, quel tanto che basta per divertirvi con un buon calice di vino in mano.

Il primo parametro di misurazione è il naso:

Tenendo un bicchiere di vino in mano, annusa e cerca di capire se riconosci i sentori spiacevoli, come ad esempio: odori di uova marce, frutta acida, cartone, straccio bagnato, sono tra i più facili da riconoscere. Cerca di capire se la sensazione del frutto è pulita. Fai caso se riesci a riconoscere qualche sentore ma non per sfoggiare abilità aliene ma solo per capire se quel vino è pulito.Un buon vino, ricorda, deve essere prima di tutto pulito.Trovi le sensazioni di fiori o di frutta? Riesci a percepirle con chiarezza anche se non li riconosci? Perfetto, sei sulla buona strada il tuo vino promette bene.

Il secondo parametro di riconoscimento è il palato:

Non devi avere sensazioni troppo discordanti. Devi percepire piacevolezza nella freschezza acida. È un tipo di piacevolezza che puoi paragonare quando, in estate, bevi un succo fresco sotto la calura estiva. Quella sensazione acida vi da un senso di piacevolezza simile a quello che potresti ritrovare bevendo un vino dall’acidità misurata e dove tutto si traduce in un guizzo, in una sensazione di vita che sarai in grado di percepire naturalmente. Fai attenzione alle tue sensazioni. Cerca al palato la piacevolezza, il garbo, poni attenzione al frutto del vino e alle sue deliziose sensazioni. Deglutisci, respira e fai attenzione se il ritorno aromatico del vino per via retro nasale è gradevole. Il ricordo di questo vino ti è piaciuto, hai voglia di un altro sorso? Risponditi a queste semplici domande e troverai una via al vino buono e, soprattutto, goditelo in buona compagnia.

Come scegliere il bicchiere per il vino giusto

I bicchieri da vino, oltre a variare in base al colore del vino, bianco, rosso o rosato, variano anche a seconda della sua struttura, della presenza di tannini, del grado di invecchiamento, della tipologia, dei profumi che il vino sprigiona. Insomma, sono tante le caratteristiche da tenere in considerazione quando ci si trova a dover scegliere i bicchieri da vino.

 

In questa immagine puoi memorizzare le forme più facilmente:

tipi di bicchieri da vino

Vino rosso

Il vino rosso deve poter respirare. Un bouquet complesso, grazie al quale i vini rossi sanno come conquistare, ha bisogno soprattutto di una cosa: lo spazio. Per questo i bicchieri da vino rosso sono caratterizzati da un calice arrotondato e voluminoso nonché da un’ampia apertura che converge leggermente verso l’alto.Bere una bottiglia di vino a cena

Vino bianco

I bicchieri da vino bianco hanno una forma stretta e affusolata, che ricorda i bicchieri da spumante. Il lungo stelo dal quale vengono afferrati aiuta a non far scaldare il vino in poco tempo, questo perché il vino bianco va servito freddo. Il bicchiere da vino bianco presenta anche una ridotta capacità in base alla seguente regola: meno se ne versa, minore sarà la possibilità che si scaldi.

Rosé

I bicchieri da vino rosé sono di media grandezza: questi vini infatti non devono respirare. Si tratta di bicchieri più alti e snelli rispetto a quelli da vino rosso, con un’apertura che si assottiglia verso il bordo per consentire agli aromi (leggeri e fruttati per la maggior parte dei rosé) di sprigionarsi direttamente sulla lingua.

Questa immagine invece raffigura bene tutta la “mise en place” della tavola

mise en place della tavola

Scopri anche come preparare la tavola per ogni occasione, leggendo questo articolo.

In fine, savoir-vivre del vino

Innanzitutto, in occasione di una cena, il servizio del vino dovrebbe spettare al proprietario di casa, che dovrebbe incaricarsi di assaggiarlo per accertarsi che sia buono. Il momento giusto per l’apertura della bottiglia varia a seconda della tipologia di vino: le bollicine e i vini bianchi devono essere aperti al momento del servizio, mentre i vini rossi, soprattutto quelli più invecchiati, devono essere stappati in anticipo e versati in un decanter o in una caraffa trasparente per allontanare l’odore di chiuso intrappolato nella bottiglia e accelerare l’effetto dell’ossigenazione. Il tempo necessario per decantare il vino aumenta in proporzione agli anni di invecchiamento.

Servire i vini in ordine di intensità

Come per i piatti, infine, anche l’ordine di servizio dei vini segue l’intensità crescente: quindi dal più leggero al più corposo, dal più giovane al più invecchiato, dal secco al dolce, dal meno profumato al più aromatico.

la corretta temperatura di servizio del vino è un dettaglio da non trascurare.

Le temperature sono indicative e possono variare in base al gusto di ognuno: in generale, è bene tenere presente che le temperature più calde aiutano il vino a sprigionare i profumi, mentre quelle più fredde li smorzano. In quest’ottica, nessuno vieta a un amante dei vini profumati di sorseggiare un bianco fruttato a una temperatura più alta di quella indicata per apprezzarlo al meglio.

Come si impugna la bottiglia?

Una volta che la bottiglia è aperta, il vino non deve essere versato in anticipo nei bicchieri, ma solo davanti ai commensali: deve essere servito dal lato di destra, mostrando l’etichetta e seguendo le abituali norme di bon ton.Non c’è bisogno di essere degli esperti sommelier per riconoscere la bontà di un vino. Basta seguire queste poche regole per diventare più esperti.

Ti può interessare come togliere le macchie di vino rosso sulla tovaglia? Leggi il nostro articolo con i rimedi da considerare utili e pratici. 


“Il vino eleva l’anima e i pensieri, e le inquietudini si allontanano dal cuore dell’uomo.”
Pindaro (518 a.C. circa – 438 a.C. circa)