Come igienizzare le superfici e prevenire la contaminazione dei cibi

Un recente studio riporta che COVID-19 può vivere sulle superfici come cartone per un massimo di 24 ore e plastica o acciaio inossidabile per un massimo di 3 giorni. Tuttavia, i microbiologi affermano che non dobbiamo cadere nella trappola del panico e adottare semplicemente alcune pratiche utili ed efficaci per proteggersi in modo efficace. A prescinder della attuale pandemia, i bagni e le cucine sono da sempre aree che ospitano germi in casa. Un’adeguata pulizia può eliminare una varietà di germi lasciando la nostra casa igienizzata e sicura. Scopriamo insieme cosa fare.

Aree da pulire a casa tua

Quando si tratta di bagni e cucine, concentriamoci sugli armadi e sui pomelli dei cassetti, sulle maniglie e sulle porte. In cucina , è importante pulire anche le maniglie degli elettrodomestici, come frigorifero, lavastoviglie, forno o tostapane.
Altre aree della casa che dovrebbero essere spesso pulite ma forse in questo periodo non lo consideriamo, includono le aree spesso toccate da tutta la famiglia come:

  • telecomando TV
  • joystick che usano i nostri figli per giocare
  • tastiere e mouse del computer
  • telefoni cellulari e fissi
  • interruttori della luce e piastre di commutazione
  • manopole e porte
  • ringhiere per scale

Quali prodotti scegliere per disinfettare ?

Per la pulizia di superfici piane, possiamo usare detergenti che acquistiamo nei negozi. Scegli quelli con un alto contenuto alcolico (oltre il 60%). Grazie a ciò, disattiviamo efficacemente il coronavirus. Le stesse tecniche possono essere utilizzate per pulire la tappezzeria dell’auto. Oltre alla pulizia, non possiamo dimenticare la ventilazione completa dell’appartamento.

Come disinfettare le superfici domestiche?

Le superfici pre-pulite (ad esempio: Con acqua insaponata) possono essere disinfettate efficacemente con disinfettanti adeguatamente forti. Secondo le linee guida dell’agenzia americana Centers for Disease Control and Prevention (CDC), efficaci nella lotta contro il coronavirus saranno :

  • fondi contenenti almeno il 70% alcol,
  • soluzione diluita a base di candeggina , se è adatta per la pulizia di una determinata superficie ,
  • secondo CDC, un disinfettante al cloro adatto per l’uso domestico può essere preparato mescolando 4 cucchiaini di candeggina con un litro di acqua,
  • disinfettanti tradizionali utilizzati nelle famiglie.

ATTENZIONE: Quando si utilizzano agenti con cloro, è molto importante seguire le istruzioni per l’uso dei prodotti e garantire un’adeguata ventilazione della stanza. Non mescolare candeggina con ammoniaca o altri detergenti, né applicarlo sulla pelle.

Prestare particolare attenzione ai disinfettanti quando si applica a superfici specifiche. Ciò vale in particolare per la candeggina, che è adatta solo per determinati materiali e materie plastiche. L’alcool è efficace per plastica, vetro o metallo, ma non più per vestiti o tessuti.

come igienizzare il bucato
Igienizzare il bucato

Come pulire vestiti e altri tessuti?

Non abbiamo bisogno di prodotti per la pulizia speciali per pulire i tessuti, basta solo il detersivo in polvere. La chiave in questo caso è la temperatura alla quale eseguiamo il lavaggio. Per vestiti, biancheria da letto, asciugamani, nonché tende o tappeti, è meglio fare il lavaggio alla massima temperatura consentita dal tessuto . Il minimo raccomandato che massimizza la possibilità di uccidere virus che persistono in tessuti diversi è di 60 gradi C.

Le indicazioni per l’uso di questa particolare temperatura possono essere riferite a studi precedenti su un altro coronavirus – SARS-CoV (o SARS-CoV-1), che ha causato l’epidemia di SARS nel 2002. È stato quindi scoperto che questo particolare ceppo è stato ucciso se esposto ad almeno 56 gradi Celsius per almeno 15 minuti.

Si consiglia di indossare guanti monouso prima di mettere il bucato in lavatrice. Per quanto riguarda l’abbigliamento dei malati, può essere lavato insieme al resto dei tessuti da lavare. Per tende, tappeti e moquette, si consiglia di pulirli con acqua e sapone o altri detergenti, nonché di lavare o pulire secondo le istruzioni del produttore.

Coronavirus e cibo come prevenire la contaminazione
Coronavirus e cibo

CORONAVIRUS E CIBO. Come prevenire la contaminazione?

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato una posizione che dimostra che non ci sono prove scientifiche che il cibo sia la fonte o il collegamento per la trasmissione del coronavirus che causa la malattia COVID-19 . L’ispettorato sanitario capo sottolinea, tuttavia, che al fine di mantenere la sicurezza microbiologica degli alimenti, è necessario rispettare rigorosamente le regole di base che impediscono la contaminazione dei prodotti alimentari, anche durante la distribuzione e la vendita .

Ti potrebbe interessare quali alimenti stagionali dovresti mangiare per aumentare le difese ? Leggi il nostro articolo con tutti i suggerimenti utili.

E’ fondamentale lavarsi le mani sempre:

  • Prima di iniziare ad operare il cibo e subito dopo aver finito,
  • dopo il contatto con rifiuti (rifiuti),
  • pulizia e disinfezione, dopo aver usato il bagno,
  • dopo il contatto con il denaro,
  • dopo aver tossito, starnutito, soffiando il naso;
  • dopo aver mangiato, bevuto e fumato.

Il COVID-19 può essere trasmesso attraverso il cibo?

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato una posizione che dimostra che non ci sono prove scientifiche che il cibo sia la fonte o il collegamento per la trasmissione del coronavirus che causa la malattia COVID-19 . L’ispettorato sanitario capo sottolinea, tuttavia, che al fine di mantenere la sicurezza microbiologica degli alimenti, è necessario rispettare rigorosamente le regole di base che impediscono la contaminazione dei prodotti alimentari, anche durante la distribuzione e la vendita .

È necessario mantenere una buona igiene del lavaggio e della preparazione del cibo. Questa è una priorità non solo per il coronavirus, ma soprattutto per i contaminanti microbici tipici che portano all’intossicazione alimentare. Lavare mani, utensili da cucina, piani di lavoro, taglieri. Ricorda sempre di separare i prodotti crudi e quelli già pronti per il consumo al fine di evitare la contaminazione incrociata nelle cucine.

Ti potrebbe interessare anche COME PULIRE LE PENTOLE BRUCIATE? Leggi il nostro articoli con i consigli utili e pratici da adottare.