intolleranza al lattosio bambini

Intolleranza al lattosio e coliche nel bambino – SOS Mamme

Le coliche infantili sono il disturbo più comune nei neonati e nei bambini. Durante le coliche il bambino è molto irrequieto, il pianto sembra impossibile da calmare. È difficile meravigliarsi dei timori del giovane genitore che una malattia grave sia responsabile di un tale stato di cose. La colica intestinale è un disturbo transitorio del periodo infantile, con un’eziologia non completamente compresa. L’intolleranza al lattosio è considerata una delle possibili cause delle coliche nei neonati. In questo articolo scopriamo come affrontare la situazione nel migliore dei modi senza cadere nel panico. 

Intolleranza al lattosio

Quando si parla di intolleranza a lattosio, dobbiamo essere consapevoli che si tratta di un fenomeno con una base completamente diversa da un’allergia alimentare bambino. Mentre nel caso delle allergie, il problema erano le proteine presenti nel cibo, nell’intolleranza al lattosio, la causa risiede nello zucchero. Il lattosio è un disaccaride, che consiste in una molecola di glucosio e una di galattosio legate insieme da un legame β-1,4-glicosidico.

Nella sua forma originale, il lattosio è un composto che non è in grado di passare attraverso l’epitelio intestinale per noi. Tuttavia, abbiamo un enzima chiamato lattasi che ci permette di digerire il lattosio in zuccheri semplici. Il glucosio e il galattosio entrano facilmente nel flusso sanguigno. Questo è lo scenario normale. 

Intolleranza al lattosio bambini
Intolleranza al lattosio bambini

Sintomi intolleranza al lattosio

L’intolleranza lattosio è associata a una carenza o totale mancanza dell’enzima lattasi, che porta a sintomi come diarrea, eccessiva produzione di gas intestinale, gonfiore e crampi addominali (coliche). Nei neonati e nei bambini piccoli possiamo incontrare un’ alattasia congenita, cioè la mancanza completa della capacità di produrre lattasi nell’intestino. Questi bambini manifestano sintomi di intolleranza fin dal primo contatto con il latte materno.

Il lattosio si trova non solo nel latte di mucca, ma anche nel latte materno. Il latte materno ha molto più lattosio del latte di mucca, ma nella maggior parte dei bambini piccoli la quantità di lattasi prodotta durante l’allattamento esclusivo è abbastanza alta da scomporre facilmente questo disaccaride. Naturalmente, la quantità di lattosio nel latte materno non dipende dalla dieta della donna che allatta. La quantità di lattosio nel latte materno è costante e indipendente dal suo consumo da parte della donna che allatta. 

L’intolleranza al lattosio è frequente nei bambini prematuri

Relativamente spesso, appare anche dopo diversi mesi di allattamento, quando il corpo del bambino perde gradualmente la capacità di digerire efficacemente il lattosio, e la sua quantità nella dieta del bambino è ancora alta. Una causa comune della comparsa dell’intolleranza secondaria al lattosio sono i farmaci, soprattutto gli antibiotici. 

Mentre negli adulti, l’intolleranza al lattosio viene diagnosticata con un test del respiro di idrogeno, nel caso dei bambini, le conclusioni si basano più spesso su un test di eliminazione-provocazione e sull’osservazione.

I sintomi molto persistenti di intolleranza al lattosio richiedono l’introduzione di latte modificato senza lattosio o la somministrazione di gocce di enzima lattasi prima di ogni allattamento. Il metodo adatto al vostro bambino deve essere scelto in consultazione con il vostro medico o dietologo dopo una consultazione individuale. 

coliche nei bambini
Coliche nei bambini

Coliche nei neonati

Le coliche sono uno dei disturbi più persistenti e comuni nei primi mesi di vita del bambino. Sono stressanti, sia per i genitori che per il bambino. Se le coliche appaiono spesso, si dovrebbe consultare un medico, che aiuterà a determinare la causa. Molte coliche si verificano senza una ragione apparente, ma come ho detto sopra, le coliche possono essere legate all’intolleranza al lattosio. 

Nella mia pratica professionale incontro domande di donne su cosa mangiare affinché il loro latte non causi coliche. Non ci sono prove inequivocabili che i prodotti che compaiono nella dieta di una donna che allatta possano causare coliche. Una volta si pensava che una donna che allatta non dovesse mangiare verdura e legumi perché hanno un effetto gonfiante. Tuttavia, non c’è modo per i flatulanti di questi alimenti di trasferirsi nel latte materno. Pertanto, una madre che allatta può mangiare quello che vuole, in linea con i principi della nutrizione razionale. 

Ricordiamoci che le coliche non hanno niente a che vedere con le allergie alimentari, quindi tutte le idee che riguardano l’introduzione di una dieta di eliminazione in una donna che allatta non sono fortuite. Le coliche possono essere una reazione al lattosio o agli oligosaccaridi presenti nel latte.

Tuttavia, questo non è un motivo per smettere di allattare. L’apparato digerente del bambino probabilmente imparerà a digerire correttamente col tempo. Le coliche derivano più spesso da una flora batterica incompleta dell’intestino del bambino. L’eliminazione del lattosio e degli oligosaccaridi dalla dieta del neonato ostacola persino la colonizzazione dei batteri benefici nel sistema digestivo del bambino.

La metodologia di trattamento dipende dal caso, ma il più delle volte si dice che una terapia mirata con probiotici del ceppo Lactobacillus reuteri aiuta nelle coliche. Comunque, la decisione di introdurre un probiotico è presa dal pediatra. Attualmente, non ci sono indicazioni per dare questo ceppo in modo profilattico. 

Rimedi coliche neonato più conosciuti da intolleranza al lattosio

Molti genitori cercano di sviluppare i propri rimedi casalinghi per le coliche. Nel caso delle coliche infantili, è necessario agire in molte direzioni. Poiché non ha una sola causa, diversi metodi si rivelano efficaci per diversi bambini. Pertanto, la lotta contro le coliche si svolge spesso sulla base del “metodo per tentativi ed errori”. 

Per escludere il problema dell’allergia alimentare, una madre che allatta dovrebbe eliminare i prodotti più allergenici dalla sua dieta, cioè il latte vaccino e i suoi prodotti, così come il cioccolato, le noci e le spezie (l’effetto della dieta di eliminazione dovrebbe essere visibile dopo circa 48-72 ore).

Se il bambino è alimentato artificialmente, si può provare a cambiare il latte con la versione HA, ma i preparati con un alto grado di idrolisi delle proteine possono essere prescritti solo da un medico. A causa dell’alto potenziale allergenico della soia, non si raccomanda l’uso del latte di soia. 

Ti potrebbe interessare anche : Corretta alimentazione durante la gravidanza 

Anche la calma dei genitori è inestimabile. È un fatto indiscutibile che in presenza di una madre che allatta, e ancor più del bambino, è assolutamente vietato fumare sigarette. 

Infine,

Se qualcosa vi preoccupa, consultate il vostro pediatra. Questo articolo è basato su fonti affidabili, ma nulla può sostituire il consiglio medico professionale. Cercare una diagnosi online non è la migliore idea, ma vale la pena essere consapevoli dei sintomi che dovrebbero spingervi a consultare il vostro pediatra e a prendere provvedimenti ragionevoli.

Ti consigliamo di consultare il tuo pediatra e a prendere provvedimenti ragionevoli.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia qui il tuo commento

error: Content is protected !!